bonus facciate 2020
Bonus facciate 2020: cos’è, a chi spetta, per quali interventi
21/02/2020
diagnosi energetiche bologna
Diagnosi energetiche 2019
20/03/2020
isolamento termico bologna

INDICAZIONI PER SCELTA E REALIZZAZIONE DELL’ISOLAMENTO TERMICO A CAPPOTTO 

Oggi vogliamo affrontare l’argomento del cappotto termico e, in particolare, di come fare una corretta valutazione dell’isolamento termico da realizzare e di come alcuni errori nella realizzazione del cappotto possono diventare gravi difetti per la Cassazione.

Articolo aggiornato il 19 maggio 2020 alle ultime novità normative.

In questo articolo parleremo di come realizzare un buon isolamento termico in modo da accedere alle agevolazioni fiscali: se hai un dubbio o vuoi parlarci di un caso specifico contattaci.

Gli errori da non fare nella scelta dell’isolamento termico

La funzione principale di un cappotto termico è di abbassare la trasmittanza termica delle mura esterne dell’edificio in modo che il calore che entra venga trattenuto e, in generale, non ci sia dispersione di calore, in entrata e in uscita. Per assicurare il trattenimento del calore e una temperatura comfortevole all’interno dell’edificio è importante scegliere bene come realizzare l’isolamento: quale materiale e di quale spessore.

ANIT, Associazione Nazionale per l’Isolamento Termico e acustico, ha da poco pubblicato un documento di chiarimento per diffondere tra professionisti, committenti, ESCo, condomini, istituti finanziari e di credito, le regole per scegliere in modo corretto i materiali isolanti.

ANIT fa notare come si stiano diffondendo sempre più sul mercato “proposte miracolose” che promuovono prodotti vernicianti o rasanti che anche se utilizzati in spessori di pochi millimetri portano ad avere una bassa conduttività in base a dei sistemi innovativi che, però, non hanno riscontri scientifici.

In realtà, bisognerebbe valutare la qualità di un materiale isolante sulla base della norma UNI EN ISO 10456 o della marcatura CE, quando questa è obbligatoria.

Responsabilità e sanzioni in caso di errori nella scelta dell’isolamento termico

I benefici riguardano la riduzione del costo delle bollette e una sensazione di maggiore comfort ma si tratta anche di un intervento costoso per cui è importante accedere alle detrazioni fiscali e se l’intervento non viene eseguito secondo le indicazioni di legge si rischia di perdere la possibilità di accedere alle detrazioni.

Il DLgs 192/05 e s.m. stabilisce le responsabilità e le sanzioni – nell’art. 15 – previste per il professionista, il direttore lavori, il proprietario o conduttore dell’immobile, il manutentore e il costruttore nel caso in cui non rispetti le indicazioni del decreto.

L’ENEA ha l’incarico di effettuare i controlli, come stabilito dal dal DM 11 maggio 2018, e di segnalare all’Agenzia delle Entrate le eventuali difformità che impediscono l’accesso alle detrazioni.

Il professionista è sempre responsabile delle caratteristiche termiche del sistema che ha calcolato e chi chiede la detrazione deve rispettare i requisiti di accesso alla detrazione ed essere consapevole di poter perdere questi benefici.

Caratteristiche del materiale isolante

Un materiale isolante per essere efficace deve avere un determinato spessore che non può essere soltanto di qualche millimetro e anche la lambda, ovvero la conducibilità termica – capacità di trasmettere il calore -, non può essere inferiore a 0,015 W/mK.

Le norme per il calcolo della prestazione energetica

Le norme a cui devono fare riferimento i professionisti nel calcolo della trasmittanza per il rispetto dei valori minimi di legge e per accedere alle detrazioni fiscali sono:

  • DM 26 giugno 2015: calcolo della prestazione energetica degli edifici
  • direttiva 2010/31/UE
  • UNI TS 11300: da una metodologia unica per il calcolo delle prestazioni energetiche
  • UNI EN ISO 6946: fornisce il metodo per il calcolo della resistenza termica e della trasmittanza termica dei componenti e degli elementi in edilizia

Consigli per un isolamento termico efficace

Dunque perché un intervento di isolamento termico sia efficace bisogna tenere conto:

  • non sono in commercio prodotti con lambda dichiarati λD inferiori a 0,015 W/mK.
  • anche i materiali con prestazioni elevate (con λD = 0,015 W/mK) per essere considerati strati isolanti per il comportamento invernale devono essere posati nell’ordine dei centimetri
  • rivestimenti per il cool roof (tetti freddi) posati sulle superfici irradiate dal sole sono efficaci per il miglioramento del comfort estivo ma non possono contribuire al risparmio energetico invernale; attenzione a non confondere il comportamento energetico invernale con quello estivo. 
  • il professionista deve valutare le caratteristiche di isolamento termico tramite la UNI EN ISO 6946 e asseverare il rispetto dei requisiti per, poi, permettere l’eventuale accesso alle detrazioni
  • se durante i controlli l’ENEA riscontra difformità il professionista e chi richiede la detrazione possono dover pagare sanzioni e rischiare di perdere i benefici fiscali.

Noi di Gruppo EDEN siamo una ESCo certificata e ci occupiamo di progettare e installare cappotti termici sui condomini dal 2008.
Dai un’occhiata al servizio “Cappotto termico per condomini a Bologna e provincia.”
Se sei un amministratore, una P.A., o un condomino e vorresti avere informazioni sulla possibilità di installare il cappotto – approfittando del superbonus del 110% – e di cedere il credito contattaci.

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità che riguardano l’efficientamento degli edifici seguici sulla nostra pagina Facebook o su Linkedin.

Preventivo