edificio-NZEB
NZEB 2021: cosa sono, la normativa, alcuni esempi italiani
15/10/2021
tegole-pannelli-fotovoltaici
Comunità energetiche: cosa sono e quali vantaggi forniscono
18/11/2021
pc-telefono-quaderno

L’entrata in vigore della nuova Legge di Bilancio 2022 si avvicina e si sta decidendo se e come dovranno cambiare agevolazioni e detrazioni fiscali come il Superbonus 110 e il Bonus Facciate, che dopo una partenza lenta sono diventati richiestissimi.

Dopo il Consiglio dei Ministri di ieri, 28 ottobre 2021, sono state annunciate le prime novità tramite un comunicato stampa. Ecco cosa è emerso per quanto riguarda gli incentivi:

  • il Superbonus 110% è esteso al 2023 per i condomini e gli IACP, con riduzione al 70% nel 2024 ed al 65% nel 2025. Nel caso delle abitazioni unifamiliari, possono accedere all’incentivo anche nel secondo semestre del 2022 persone fisiche, a precise condizioni
  • il bonus facciate è prorogato fino al 2023 ma la percentuale agevolata sarà solo del 60%
  • l’Ecobonus 65% e le detrazioni per ristrutturazione al 50%, con le relative maggiorazioni sono prorogati fino al 2024 alle medesime aliquote.

Ma approfondiamo, in particolare, i cambiamenti che si avranno per il Superbonus e il Bonus Facciate.

Superbonus 110: come cambierà nei prossimi anni

Il Superbonus 110 per condomini, IACP e cooperative, non subirà modifiche fino al 2023.

Per quanto riguarda le villette, o edifici unifamiliari, ma chi ha depositato la CILA – Comunicazione Inizio Lavori Asseverata – o ha iniziato le pratiche per la demolizione e ricostruzione entro il 30 settembre 2021 può ancora godere dell’agevolazione senza vincoli.

Chi, invece, ha un ISEE inferiore a 25.000 euro potrà accedere all’agevolazione del 110% durante tutto il 2022 per tutte le spese effettuate durante l’anno.

Bonus facciate: il passaggio dal 90% al 60%

Chi vorrà ancora usufruire del Bonus Facciate dovrà tenere conto che dell’abbassamento della percentuale – che passa dal 90% al 60% – che avverrà a partire dal 1° gennaio 2022. Nella pratica, chi pagherà i lavori nel 2021 (anche se non ancora effettuati) usufruirà dell’agevolazione del 90%, chi, invece, pagherà nel 2022 avrà un’agevolazione pari al 60%.

Bisogna, inoltre, distinguere tra:

  • condominio; in questo caso se i costi dei lavori si rivelano maggiori si può cercare di fare il passaggio al Superbonus 110% o all’Ecobonus del 65%, considerando bene i requisiti necessari. Se si riesce a fare il passaggio al Superbonus 110 allora si possono coprire tutte le spese in quanto il massimale va moltiplicato per il numero di unità immobiliari
  • casa unifamiliare; il discorso cambia perché c’è un massimale ben preciso nel Superbonus (50.000 euro) e si può fare riferimento, in aggiunta, solo alle detrazioni del 50%. Dunque, c’è il rischio che una parte dei costi non venga coperta.

Inoltre, dal 1° gennaio 2022 non si potrà più usufruire né della cessione del credito né dello sconto in fattura per il Bonus Facciate.

Per rimanere aggiornato sulle novità in materia di agevolazioni fiscali come il Superbonus 110 e il Bonus Facciate, iscriviti alla newsletter o seguici sulle nostre pagine social, Facebook e LinkedIn.

Iscriviti alla newsletter
Ricevi news e approfondimenti da Gruppo Eden.
Rispettiamo la tua privacy.
GruppoEden
GruppoEden
Promotori dell'efficienza energetica ci occupiamo dei certificati bianchi, consulenza LEED, certificazione energetica, modellazione enegetica, edilizia e catasto.
Preventivo