Diagnosi Energetica Aziendale: come elaborarla

on Mercoledì, 14 Ottobre 2015. Posted in Diagnosi Energetica

I requisiti che deve possedere la diagnosi energetica

Diagnosi Energetica Aziendale: come elaborarla

Manca poco ormai: il 5 dicembre 2015 è fissata la scadenza nazionale per le aziende per munirsi della diagnosi energetica aziendale. L’Enea ha predisposto una guida operativa per chiarire come dovrà essere strutturato il report e quali sono le informazioni fondamentali che esso dovrà contenere.

Come vi abbiamo già descritto in un precedente post la diagnosi energetica è lo strumento per analizzare la prestazione energetica di un’attività industriale e restituisce un quadro generale della gestione energetica di un’attività (industriale, servizi, primario e terziario). Attraverso la diagnosi energetica si rileva il livello di efficienza della gestione di energia.

L’Enea ha predisposto tutte le indicazioni per una corretta emissione del documento di report della Diagnosi Energetica, che deve essere obbligatoriamente redatta entro il 5 Dicembre per le “grandi” aziende.

Uno dei primi passi per effettuare la diagnosi energetica è procurarsi i dati energetici sia tramite lettura diretta sia tramite analisi delle relative bollette.  Per quanto riguarda i dati relativi alla produzione e ai consumi energetici, tali dati devono essere valutati su un periodo di tre anni, incluso quello della diagnosi, e forniti su base mensile. Non bisogna omettere di evidenziare in modo chiaro nel rapporto della diagnosi tutti i dati misurati in modo diretto e quelli misurati in modo indiretto.

Il secondo passo è il rapporto di diagnosi energetica che dovrà contenere i seguenti parametri di analisi:

  • Nota su chi ha redatto la diagnosi energetica
  • Dati dell’azienda
  • Periodo di riferimento della diagnosi
  • Unità di misura e valori di riferimento adottati
  • Informazioni sul metodo di raccolta dati
  • Prodotti
  • Materie prime
  • Processo produttivo
  • Indicatori energetici
  • Consumi energetici
  • Modelli energetici
  • Calcolo degli indicatori energetici individuati e confronto con quelli di riferimento
  • Interventi effettuati in passato e possibili interventi futuri
  • Tabella riassuntiva degli interventi individuati.

Infine, bisogna costruire lo schema energetico dell’azienda in esame, che dovrà essere costruito relativamente ad ogni vettore energetico (elettrico, termico, vapore, acqua surriscaldata, ecc) acquistato e utilizzato nel locale analizzato, con lo scopo di dividere i consumi annui del vettore specifico tra le diverse utenze presenti. 



La struttura ad albero rappresentata nell’immagine dovrà essere realizzata per ogni vettore energetico utilizzato dall’azienda. Inoltre, nel rapporto dovranno essere analizzati anche:

  • Le attività principali, ovvero tutte le attività collegate alla produzione o ciò che caratterizza il servizio erogato;
  • I servizi ausiliari, che si riferiscono alle attività a supporto delle attività principali dell’aria compressa sistemi di aspirazione;
  • I servizi generali, quelle attività che sono legati al processo produttivo o servizio offerto (illuminazione, riscaldamento, climatizzazione di uffici ecc.).

Nel caso in cui l’azienda non disponga dei dati di monitoraggio in dettaglio delle diverse partizioni dello stabile analizzato, la diagnosi sarà effettuata in base ai dati tecnici e di utilizzo delle varie utenze o impianti. 

Le grandi aziende italiane entro il 5 dicembre 2015 sono quindi chiamate ad effettuare la diagnosi energetica rivolgendosi a tecnici e strutture qualificate al rilascio del documento stabilito dall’ENEA. Se avete un’impresa e non avete ancora effettuato la diagnosi energetica, o avete dei dubbi sulla documentazione da fornire o sul rapporto di diagnosi che vi è stato consegnato, contattate una ESCO, possibilmente qualificata ai sensi della norma UNI CEI 11352: saprà darvi tutte le informazioni che cercate!


logo

Gruppo EDEN | Via della Barca, 24/3 - 40133 Bologna
Tel. 051-7166459  051-0984590 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.