Certificati Bianchi: in gazzetta le Linee Guida

on Mercoledì, 05 Aprile 2017. Posted in Certificati Bianchi

Approvato il decreto sui Certificati Bianchi

Certificati Bianchi: in gazzetta le Linee Guida

Il 4 aprile è entrato in vigore il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico dell’ 11 gennaio 2017 sulla determinazione degli obiettivi nazionali di risparmio energetico dal 2017 al 2020.
 Il nuovo decreto sui Certificati Bianchi attua quanto previsto dal Dlgs 3 marzo 2011, n. 28 e dal Dlgs 4 luglio 2014, n. 102 e stabilisce le nuove Linee Guida per il rilascio per la preparazione, l'esecuzione e la valutazione dei progetti di efficienza energetica che permettono di accedere ai Certificati Bianchi.

Aggiornamento

Il 12 Luglio 2018 è entrato in vigore il nuovo decreto per i Certificati Bianchi, detto "Decreto Correttivo" per porre rimedio a varie problematiche che si sono avute dopo l'entrata in vigore del Decreto del 2017: aumento dei prezzi, calo dell'offerta e crescita della domanda ecc.
Se vuoi approfondire come si è arrivati al Decreto Correttivo leggi l'articolo in cui abbiamo analizzato il perchè dell'aumento dei prezzi dei Certificati Bianchi e le previsioni della SEN 2017.



Modalità di riconoscimento dei Certificati Bianchi
 

Tabella degli interventi
Alla fine del decreto, in Tabella 1è riportato un elenco da completare dei tipi di progetti che permettono l’accesso ai certificati bianchi. I progetti vengono classificati in base a:

  • anni della vita utile(U);
  • tipologia di certificato ottenibile, nello specifico si fa la suddivisione per tipologia di consumi ottenuti.

La tabella si andrà arricchendo nel tempo. Infatti, è prevista la possibilità di presentare progetti non previsti dalla Tabella 1. Sarà poi compito del GSE valutarne l’ammissibilità e consultarsi con Ministero dello sviluppo economico per l’approvazione. Le modalità di aggiornamento della Tabella 1 seguono le indicazioni dell’art. 6, comma 2 del decreto.

Tra gli interventi citati in Tabella 1 troviamo:

  • per il settore industriale: installazione di sistemi di power quality; installazione di gruppi frigo e pompe di calore (compresi gli impianti di surgelazione e refrigerazione);
  • per il settore civile: retrofit e nuova realizzazione di “edifici a energia quasi zero”;
  • per quanto riguarda l’ambito delle misure comportamentali: adozione di sistemi di segnalazione e gestione efficienti; adozione di sistemi di analisi di dati sui consumi di singoli impianti, utenze e veicoli.

Il parametro U
Tenendo in considerazione l’obsolescenza tecnologica e commerciale della tecnologia sottesa al progetto gli anni di vita utile del Certificato Bianco, ovvero il parametro U non possono superare i 10 anni. 

Il parametro k
Nel momento in cui il soggetto proponente presenta la richiesta può richiedere che per metà della durata della vita utile del progetto il volume di Certificati Bianchi erogati sia moltiplicato per il fattore K 1 =1,2.
In questo caso, per la rimanente durata della vita utile, il numero di Certifi cati Bianchi emessi va moltiplicato per il fattore K 2 =0,8. 

Calcolo dei risparmi conseguiti
Viene effettuato applicando i valori di potere calorifico inferiore di indicati nell’Allegato IV alla direttiva 2012/27/UE.
Nei casi in cui la fonte primaria non sia classificabile in una delle tipologie elencate, il valore di P.C.I. adottato per la valutazione dei risparmi energetici conseguiti dovrà essere certificato da un laboratorio qualificato.

Tipologie di Certificati Bianchi

I Certificati Bianchi erogati vengono classificati in base ai risparmi energetici ottenuti e possono essere di quattro tipi :

a) tipo I, attestanti il conseguimento di risparmi di energia primaria attraverso interventi per la riduzione dei consumi finali di energia elettrica;

b) tipo II, attestanti il conseguimento di risparmi di energia primaria attraverso interventi per la riduzione dei consumi di gas naturale;

c) tipo III, attestanti il conseguimento di risparmi di forme di energia primaria diverse dall’elettricità e dal gas naturale non realizzati nel settore dei trasporti;

d) tipo IV, attestanti il conseguimento di risparmi di forme di energia primaria diverse dall’elettricità e dal gas naturale, realizzati nel settore dei trasporti. 

Dimensione Commerciale dei Certificati Bianchi
La dimensione commerciale dei Certifi cati Bianchi è pari a 1 TEP. Per l’erogazione dei Certificati Bianchi, i risparmi di energia, verificati e certificati, vengono arrotondati a 1 TEP con criterio commerciale.

 


logo

Gruppo EDEN | Via della Barca, 24/3 - 40133 Bologna
Tel. 051-7166459  051-0984590 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.